Archivio

Archivio per la categoria ‘Vmware – Virtualizzazione’

VMware: estendere disco di una VM

19 aprile 2010

Spesso un server virtuale necessita di un espansione del disco a lui associato.

Vediamo come effttuare tale operazione su una macchina virtuale Windows.

Prima dell’update 3 era necessario farlo a macchina spenta dall’update 3 è possibile farlo a macchina accesa e fare il resize di tutte le partizioni della macchina compreso il disco c di sistema grazie all’utility ExtPart della Dell.

  1. Scaricate extpart e salvatela sul disco della VM che contiene di dischi da modificare.
  2. Aprite VMware Virtual Infrastructure Client collegatevi all’host esx/esxi che contiene la VM
  3. Selezionatela e cliccate su “edit settings”.
  4. Nel tab “Hardware” selezionate il  disco fisso da modificare
  5. A destra andate alla voce “Disk Provision” cambiate la dimensione  hard disk virtuale

L’elenco degli step proposti funziona nahce per il client VSphere.

Colleghiamoci ora alla VM   e controlliamo i volumi da “gestione disco”:

Avremo lo spazio incrementato e disponibile ma  non allocato da nessuna partizione di file system.

Apriamo ora l’utility Extpart  prima salvata avviandola da prompt dei comandi.
Digitiamo quindi la lettera del volume che  desideriamo espandere, ad esempio c: (partizione di sistema), e definiamo l’incremento voluto, come nel seguente esempio.

Torniamo ora in “gestione disco” e verifichiamo che tutto sia andato a buon fine,

Share

Vmware - Virtualizzazione

Clonare una macchina virtuale su VMWare ESX

12 novembre 2009

vmware

Clonare una macchina virtuale su VMWare ESX

Lo strumento canonico di VMWare per la creazione di macchine virtuali senza dover reinstallare tutto da zero ogni volta, sarebbero i template.
Lavorare con i template presuppone di averli preparati prima e di usarli spesso, altrimenti potrebbe non valere la pena di utilizzare tempo e spazio sullo storage per gestirli.
La necessità di clonare una macchina virtuale mi si presenta raramente, e di solito procedo in questo modo:
Come prima cosa creo una snapshot della macchina tramite VC Backup. Al termine del processo ho ottenuto un backup della macchina virtuale su una cartella di uno storage esterno, ad esempio i dischi del server Virtual Center. Rinomino la cartella con il nome che desidero per il clone che andrò a creare, e utilizzando VMConverter (quello fornito con ESX server), provvedo a reimportare la macchina, avendo cura di non farla avviare automaticamente al temine del processo di importazione.

Nel frattempo mi procuro Sysrep, un’utility gratuita di Microsoft, scaricabile da qui. Malgrado la pagina parli solo di Windows 2000, WMWare dice che va bene anche per XP Pro e Windows Server 2003 (è vero, uso questa e funziona benissimo).
Con i files di Sysprep è necessario creare un file ISO che va copiato insieme alle altre immagini ISO sul datastore, nella cartella /vmimages/tools-isoimages dei server ESX, tramite WinSCP oppure Veeam FastSCP.
Al termine dell’importazione edito la configurazione del clone, impostando l’avvio con la scheda di rete scollegata e mappando il CD-ROM virtuale sulla ISO di Sysprep residente sui server ESX.

A questo punto posso finalmente avviare la macchina clonata. Alla partenza copio i files di Sysprep dal CD-ROM virtuale a c:\sysprep e lancio il programma; un wizard mi guida nelle operazioni di cambiamento dell’hostname della macchina, dell’impostazione dell’indirizzo IP e nell’eventuale join al dominio. Importante: subito prima di confermare le proprità del TCP/IP bisogna ricollegare la scheda di rete. Al termine del processo il pulsante “Seal” applica le impostazioni e fa ripartire la macchina. Al riavvio il sistema operativo si comporta come se fosse stato appena installato, ma con le impostazioni da voi definite poco prima. Se joinate lo stesso dominio, il profilo utente è bello pronto che vi aspetta e non dovete modificare una virgola rispetto alla macchina di partenza.

Risultato finale dell’operazione: due macchine identiche dal punto di vista del software e della configurazione, ma comunque distinte e funzionanti contemporaneamente. Perché è importante il processo di customizzazione tramite Sysprep appena descritto?

Ciascuna macchina in un dominio Active Directory possiede un SID che deve necessariamente essere univoco. Clonando brutalmente la macchina, il SID non viene modificato, neppure se cambia l’hostname. Due SID uguali su una rete pongono problemi di sicurezza e di funzionamento, e non sono in alcun modo supportati.

La procedura descritta va bene se non deve essere utilizzata con troppa frequenza, poiché le fasi di snapshot e importazione sono abbastanza lunghe. Nel caso si dovesse produrre parecchie macchine virtuali è sempre meglio utilizzare i template.

Share

Vmware - Virtualizzazione

Managing VMware ESX through the service console – 10 Basic Linux

9 novembre 2009

10 Basics of Linux that apply to managing VMware ESX through the service console

Introduction

If you are using the full version of VMware ESX you have the option to manage it, from the command line, using the service console operating system (called the COS). The service console, in VMware ESX, is really a modified version of Red Hat Enterprise Linux. Thus, basic Linux administration knowledge is very valuable when you go to manage VMware ESX from the command line.


On the other hand, if you are using VMware ESXi you likely do not access any CLI console from the server. Two command line options for managing ESXi from the command line are-

  1. The hidden ESXi service console – for information on this tiny Linux console, with very limited features, and how to access it see my article How to access the VMware ESXi Hidden Console.
  2. The VMware remote command line interface (RCLI) – for information on RCLI, see my article; Using VMware’s remote command line interface (RCLI) with VMware ESXi.

Now, here are my 10 basics of Linux administration that apply to managing VMware ESX:

1.      Understanding file structure and navigation are critical

Just like navigating Linux or Windows from the command line, it is critical in ESX that you know how to navigate the file structure. Here are some common Linux & ESX commands you will use to get around:

  • ls – to list out files in a directory, just like the DOS dir command. Although, the DOS dir command actually does work in ESX as well. I prefer the long format of the ls command, ls -l


Figure 1: the ls, dir, and ls –l commands in VMware ESX

  • cd – change directory
  • rm – to remove files
  • cp – to copy files
  • rename – to rename files
  • pwd – to show the current directory

One of the best Linux commands I ever learned was the command that allows me to find a file anywhere on a filesystem-

find ./ -print | grep {what you are looking for}

Yes, this works great in ESX and it allows me to find the location of log files or executables when they are not in my path or I forget where they are stored. Here is an example of how I used this to find the location of the esxcfg-firewall command:


Figure 2: using the find command

2.      Remote access is usually via SSH when using the CLI

Just as I connect to a Linux server using a SSH client like putty, I also connect to my ESX server. In fact, all the command line examples in this article were done with putty through SSH.

You should know that access to the ESX service console is not allowed, via SSH, for root, by default. To enable it, you need to go to the server’s console, edit /etc/ssh/sshd_config, set PermitRootLogin to yes, save it, and restart the ssh dameon with service sshd restart.

3.      Local user administration is in /etc/passwd

Just as in Linux, it is best practice in ESX to create yourself a local user that can be used to su to the root account when local root privileges are needed (yes, even if you are using vCenter and likely will not use this a lot).

You could edit the /etc/passwd file, sure, but you should, instead, use useradd to add local users from the command line (but this is also easily done in the VI client if you connect directly to an ESX host). You can change passwords using passwd, just like in Linux.

One thing that is different is that you can set just about all of the ESX authorization settings by using esxcfg-auth.

4.      Critical administration commands can be found in

As we learned back in #1 with the find command, the esxcfg-XXXX commands are located in /usr/sbin. These are ESX specific commands that you will need to use if administering the server from CLI.

Here is what they look like:


Figure 3: esxcfg commands located in /usr/sbin

5.      Text file editing with vi and nano is a must

How are you going to edit text files like sshd_config to enable SSH remote access without a text editor? Well, you can’t. You must know how to use one of the Linux / ESX text file editors – vi or nano.

Like whiskey, vi is “an acquired taste” and takes some getting used to. If you are a Linux admin, you already know vi. For those who don’t, I encourage you to use nano as it works much like the Windows notepad.

Here is a look at nano:


Figure 4: Using nano to edit text files in VMware ESX

6.      You will need to patch it with using RPMs but with different tools – rpm and esxupdate

Just like any OS, you will need to patch ESX. In Linux, this is typically done at the command line using rpm. While rpm is available in ESX, you should instead use esxupdate to apply ESX patches.

Still, the concept is the same and the applications are almost identical.

For more information on using esxupdate and patching in ESX see:

7.      Common network tools like ping, ifconfig, traceroute, proper network configuration are all crucial.

Just as in configuring Linux or even Windows from the command line, critical pieces of ESX Server aren’t going to work without the proper network configuration. The easiest way to do that in ESX is to use the VI client but you can do it at the command line using commands like esxcfg-nics, esxcfg-route, esxcfg-vmknic, esxcfg-vswif.

About half of what these commands do is to edit traditional Linux text configuration files like /etc/hosts, /etc/resolv.conf, /etc/sysconfig/network, /etc/vmware/esx.conf.

Just like any Linux host, in ESX you must have an IP address, proper subnet mask, default gateway (if you want to get outside your subnet), DNS servers (unless you are going local), your ESX host name must be able to be resolved as a FQDN, and you must have full network communication. That full network communication can be tested with traditional Linux commands like ping, traceroute, nslookup, and ifconfig

8.      Process administration, at times, is necessary – ps, kill

Just as in Linux, at times, process administration is required. In ESX, you can view running processes with the ps (or process list) command. You can kill processes with the kill command.

Unlike Linux, ESX has some critical processes such as vmware-watchdog, vmware-hostd, vmklogger, and others.

9.      Performance management from the CLI is quickly handled with top and esxtop

Eventually in any OS you will have a performance management issue. You can quickly resolve performance issues in Linux with top. In ESX, top also works but you should, instead, use esxtop.


Figure 5: VMware ESXTOP

For more information on understanding performance statistics with esxtop, see the VMware ESX Resource Management Guide and Interpreting ESXTOP Statistics in the VMware Community.

10.  Getting help with –help and man

And finally, getting help in Linux and in ESX are the same. To learn more about a command you can use that command and add “dash dash help” or “–help” after it. Even better, you can get more instructions using man, which stands for manual pages. For example, if I wanted to learn about esxcfg-firewall, I can just type man esxcfg-firewall and I see a screen like this:


Figure 6: VMware ESX man pages

Conclusion

Some would say “of course VMware ESX service console and Linux are the same, the ESX service console IS LINUX”. That is not exactly true as it is a modified version of Red Hat Enterprise Linux. Plus, what libraries and packages are loaded in it? What extra commands? What commands are removed? There are many differences. Also, the ESX service console Is may still be based on Linux but may be very different from other flavors of Linux like Ubuntu, Suse, or Fedora.

From this article, you learned 10 Linux system administration tasks / commands that you can perform in VMware ESX Server and, trust me, if you are not familiar with Linux already, this basic knowledge will be extremely helpful when you get to the ESX service console and need to, say, find and edit a configuration file.

Share

Vmware - Virtualizzazione

Extend the boot volume of Win2000/2003 Virtual Machine with “diskpart”

5 novembre 2009

Extend boot volume on Windows Server 2000/2003

Before you begin, make sure that you do not have an active snapshot on the VM, extending a virtual disk with a snapshot will cause corrpution

Extend the boot volume of Windows Server 2003 Virtual Machine
To start, I have a Windows Server 2003 Virtual Machine that has a 5.3G disk allocated to it, I need to expand this disk to 10G.

Step 1: Power off the virtual machine that holds the boot volume that you want to extend.

Step 2: Make a backup copy of your virutal disk, this is optional but if you mess up don’t call me unless you’re willing to pay.

Step 3: From the service console, increase the size of the .dsk or .vmdk virtual disk file. This can also be accomplished through the Virtual Infrastructure Client if you are using VirtualCenter 2.x+.

[root@esx-test local]# ls -lah test.vmdk
-rw-------    1 root     root         5.4G Jul 18 13:57 test.vmdk

Extend the virtual disk with vmkfstools. The input to the -X switch is the size that you want the disk file to be not the size you want to extend the disk file by.

[root@esx-test local]# vmkfstools -X 10G test.vmdk

View the new size of test.vmdk

[root@esx-test local]# ls -lah test.vmdk
-rw-------    1 root     root          10G Jul 18 13:57 test.vmdk

Step 4: For this step you will need an additional Virtual Machine running Windows Server 2003. Power off the second Virtual Machine, and add the disk from the first Virtual Machine to it through the mui. Power up the second Virtual Machine and verify that the imported disk has unallocated space on it.

From the run menu type “diskpart.exe” to enter the command line utility to resize disk partitions in Windows Server 2003.

The command list volume will show you all the available volumes. Select your volume as shown below. select volume 1 corresponds to the “D” volume that I want to exntend. Finally extend the volume with the extend command.

If all goes well, the partition will be immediately exnteded under the Disk Management snap in.

Step 5: Shut down the second Virtual Machine and remove the disk from the second Virtual Machine. Power on the first Virtual Machine and check out your new space.

Share

Vmware - Virtualizzazione

VMware ESX vSphere resize disk with “extpart” (Dell)

5 novembre 2009
VMware ESX vSphere resize disk

Every now and then I need to resize (usually extend/enlarge) a disk attached to a Virtual Machine. I have tried several methods to do this over the years (including combinations of VMware Converter, third party partition manager apps, diskpart etc) but none have been as efficient as the method I discovered during recent VMware training for my VCP4 exam.

One of the new features of vSphere is the ability to resize disks without having to shut down the Virtual Machine. This was previously impossible in VI3. This greatly speeds up the resizing process which can be executed in a couple of stages:

1) Use the vSphere Client to edit the settings of the Virtual Machine in question. Select the hard disk and modify it’s provisioned size as appropriate. Click OK to apply these changes – resizing the .vmdk file.

resize1.png

2) Verify that the .vmdk has been resized by opening the Management Console -> Disk Management to find the unallocated space on the disk that resides in the .vmdk (distinguished by the black colour in the legend at the bottom.) In this case you can see I have increased the size by 5GB.

resize2.png

Right click on the disk (in this case ‘Disk 0’) and select properties. On the Volumes tab make a note of the unallocated space, in my case it is 5122MB.

resize3.png

Download Dell’s EXTPART and extract it on the server that contains the disk you want to resize. Navigate to c:\dell\ExtPart (the default extracted location) and run extpart.exe. When prompted enter the the Windows drive letter of the disk on the Virtual Machine e.g. c:. When prompted for the size to extend the partition by enter the number noted down earlier (I used 5122 in this example.) After doing so the disk should be resized. You can check this by opening the Management Console -> Disk Management and verifying the size of the partition.

resize4.png

NB – If you receive the following error:

“Unable to connect to c: or it does not exist”

There are a couple of workarounds that you could try.

1) Close the Management Console (if it is open) and try extpart.exe again.

2) Try restarting the VM in safe mode and then run extpart.exe. This is not ideal but it is still easier than other methods I have tried to resize .vmdk files.

Share

Vmware - Virtualizzazione

Back Up the ESXi Host Configuration

11 ottobre 2009

Back Up the ESXi Host Configuration

ESX_ServerIn una Virtual Infrastructure, oltre al backup delle virtual machine, è necessario backuppare anche la configurazione degli host esxi nel caso si debba ripristinarla in una fase di disaster recovery.
In questo post mostrerò come farlo in modo facile e da interfaccia grafica senza utilizzo di riga di comando o collegamenti alla console dell’host esxi o altra roba troppo da nerd ;) .
Per prima cosa scaricare e installare dal sito vmware la “vmware remote CLI” ovvero “command line interface” per gestire, tramite  riga di comando, l’host esxi. (esxi non include a differenza di esx, una service console).
Assicurarsi  inoltre che sul pc con os windows(dal quale si effettuerà il backup) sia installato il framework Microsoft .net 3.5.
Infine utilizzeremo il programma chiamato “Esxi configuration utility” scaricabile dal sito itsallvirtual.com che utilizza molti comandi della “remote CLI” attraverso l’uso una semplice interfaccia grafica.
Il programma è fermo alla versione 1.0.2 (10-23-08) ma perfettamente funzionante anche su esxi 4.o.o, ed è rilasciato come freeware; cito testualmente dal sito : “This application is considered freeware software, it is not intended for use in a production environment.” (bé io ve lo detto!! :) ).
Questo programma si rivela utilissimo perché oltre ad effettuare velocemente e semplicemente il backup della configurazione ne consente  anche un altrettanto veloce e semplice restore e inoltre permette l’upgrade degli host esxi, con patch scaricate dal sito vmware.
Infine tramite l’uso della CLI è in grado di generare una sorta di reportistica minimale sullo stato degli host esxi.
Una volta installato il programma, occorre definire il percorso dove è installata la remote CLI dopodiché l’utility permette di collegarsi all’host esxi e dal tab “Config Backup” cliccando sul bottone “Create esxi backup file” effettueremo il backup della configurazione nel percorso stabilito nel “backup file location” e il gioco è fatto….già tutto qui!!
Vedi galleria immagini sottostanti:

Share

Vmware - Virtualizzazione

Espandere i volumi dei dischi vmdk in vmware esx 3.0-3.5 U2

11 ottobre 2009

Espandere i volumi dei dischi vmdk in vmware esx 3.0-3.5 U2

logo-vmware,E-U-3126-3Fino alla versione di esx 3.5 update 2 non vi è la possibilità di espandere o modificare la dimensione dei volumi dei dischi virtuali vmdk a Virtual machine  accesa (occorre avere la versione esx-esxi 3.5 update 3 o successive).
In questo post illustrerò, a mio avviso, la procedura per fare questa operazione  nel modo più veloce e sicura però sempre a vm spenta.
Prima di fare questo tipo di operazioni effettuare sempre un backup/copia della VM.!!
Dobbiamo anzitutto, procurarci un software per espandere e manipolare le partizioni e i file systems e consiglio caldamente di utilizzare GParted, una live basata su GNU/linux con licenza GPL, scaricando dal sito l’immagine .iso e tramite scp (es. winscp) spostarla su uno storage raggiungibile dalla VM.
Per prima cosa spegnere la VM e collegarsi via ssh (es. putty) all’host esx e portarsi nel direttorio di storage che contiene i file dei volumi della VM, che si vuole espandere e identificare il file .vmdk
es:

cd /vmfs/volumes/storage1/serverdati/serverdati.vmdk

Ora vogliamo aumentare l’attuale dimensione di 15 GB del file serverdati.vmdk ad 150 GB
Per fare questo si utilizza il comando “vmkfstools” come segue:

vmkfstools -X 150G serverdati.vmdk

NB : il parametro che il comando richiede (150G) è la nuova dimensione finale del volume vmdk non l’incremento voluto.
Il file vmdk risulta di 150GB ma fisicamente lo spazio su disco non è ancora allocato; dobbiamo quindi intervenire per assegnarlo a livello di file system.
Collegarsi tramite la VMware Virtual Infrastructure Client all’host esx,  selezionare la VM in questione e cliccare su “edit settings” poi dal menù “Hardware” selezionare “CD/DVD drive” e impostare “Datastore ISO file”.
Dal tasto “browse” cercare e selezionare l’immagine iso di gparted precedentemente scaricata.
Ovviamente il cd/dvd drive deve essere connesso in fase di boot della VM.

vmdk01

Avviate ora la VM che dovrebbe partire lanciando l’iso di Gparted caricata dal cd/dvd (se così non fosse entrate nel bios della VM con F2 e impostare il boot da cd).

gparted01

Una volta avviato GParted occorre selezionare il volume (1) e tramite il tasto “Ridimesiona/Sposta” (2) si apre una finestra che permette il ridimensionamento del volume fino alla nuova quota (3):

gparted02

Cliccare poi su “Apply” per confermare l’operazione:

gparted03

Il volume verrà espanso fino a 150 GB.
Riavviare la VM rimuovendo dal CD/DVD l’immagine iso di gparted.
A riavvio effettuato la nostra VM dell’esempio, che è una macchina windows, farà partire il check disk e una volta terminato avvierà il sistema operativo, ma dato che parliamo di windows si dovrà effettuare un’ulteriore reboot perchè venga riconosciuta definitivamente  la nuova dimensione del volume.

Espandere i volumi dei dischi vmdk in vmware esx-i 3.5 U3 e successivi

logo-vmware,E-U-3126-3Fino alla versione vmware esx/esxi 3.5 update 2 , poteva effettuarsi però solo a macchina virtuale spenta.
Con l’avvento del upgrade 3 le cose sono notevolmente cambiate ed è possibile effettuare l’espansione dei volumi virtuali, anche di sistema, di una VM in esecuzione (!!!!!) in maniera davvero facile e veloce.
Questa procedura è fattibile, oltre che ad avere la versione esx/esxi 3.5 U3, combinandola con l’uso dell’utility ExtPart della Dell.
Per prima cosa occorre scaricarsi extpart e salvarla sul disco della VM, di cui si intende modificare la dimensione del volume.
Per seconda collegarsi, tramite alla VMware Virtual Infrastructure Client, all’ host esx/esxi su cui è configurata la nostra VM,  selezionarla e cliccare su “edit settings”.
Nel primo tab “Hardware” selezionare la periferica del disco fisso e a destra della finestra avrete una voce denominata “Disk Provision” in cui sarà presente la quota del hard disk e la possibilità di incrementare la dimensione del volume. (vedi figura sotto).

vmware - harddisk

Nell’esempio il volume del virtual disk è di 8GB e vogliamo portarlo a 10GB quindi incrementeremo la “provisioned size” da 8 a 10GB.
Collegandosi  infatti alla VM   e controllando i volumi ,visibili dal menù della “gestione disco”, si vedrà che lo spazio incrementato è già immediatamente disponibile ma chiaramente ancora non allocato nel file system.
gestione disco 1

Ora per l’incremento finale del volume lanciare l’utility Extpart , salvata precedentemente sulla VM, che aprirà un prompt dos in cui occorre digitare la lettera del volume che si desidere espandere, nell’esempio c: (partizione di sistema), e definire in MB l’incremento voluto, nell’esempio 2048 MB per portare la dimensione del volume dagli 8GB iniziali ai 10GB finali.

extpart

Bene fatta questa velocissima operazione tornare nella gestione disco della VM e lanciare l’analisi dei dischi:

gestione disco 2

Et voilà!

gestione disco 3

Il disco, ripeto di sistema, ora è stato espanso alla dimensione voluta a macchina virtuale in esecuzione il tutto impiegando si e no 10 minuti…non male vero??!!

Share

Vmware - Virtualizzazione

Virtual Infrastructure gratuita con vmware esxi e openfiler

11 ottobre 2009

Virtual Infrastructure gratuita con vmware esxi e openfiler

esxi-openfilerClamorosamente quasi un annetto fa vmware rilasciò gratuitamente il suo nuovo hypervisor esxi (qui trovare il datasheet) che permette di mettere in piedi vera e propria una virtual infrastructure accollandovi ovviamente solo il costo dell’hardware.
Occorre controllare che il vostro server sia elencato sulla HCL (hardware compatibility list) di vmware esxi e il gioco è fatto.
Non starò qui a descrivere l’installazione di esxi perché è davvero semplicissima e in rete  si trovano infinite guide a riguardo ben fatte.
In questo post spiegherò come realizzare con vmware esxi, come hypervisor, e openfiler come iscsi san, una eccellente infrastruttura virtuale gratuita.
Diamo per scontato di avere già pronti all’uso un sistema esxi e un sistema openfiler.(vedere i miei post precedenti sull’installazione openfiler).
Configuriamo in primis Openfiler per farlo diventare un “Target iSCSI” a cui successivamente collegheremo vmware esxi.
Step 1 – Network access configuration
Per prima logatevi e andate nel menù System-Network Access Configuration e aggiungete l’indirizzo ip, la netmask del vostro host esxi con l’opzione “share”; in questo modo esxi avrà accesso ad openfiler.
openfiler - network access configuration
Step 2 – Creare un nuovo volume fisico
Ora occorre creare un nuovo volume fisico: per farlo andare nel menù Volumes e selezionare Block devices.
openfiler - volumes block device
Selezionare “Edit disk” nel hard disk in cui si vuole creare il volume fisico, assegnandogli lo spazio desiderato e definendolo come “primario”.
openfiler - edit disk

Dopo aver creato un volume fisico, in cui è stato configurato l’hd in uso e la dimensione, occorre destinarlo ad un “volume group” che va successivamente creato.
Step 3 . Creazione di un nuovo Volume group
Bisogna ora creare un “volume group” che contenga il volume fisico appena creato.
Dal menù “volumes” selezionare “volumes group”  poi “create a new volumes group” e infine una volta aggiunto il nome del gruppo, nel mio caso “storage” su un volume di  720GB, selezionare il volume fisico associato e cliccare su “add volume group” ed ecco il risultato:
openfiler - create volume group

Step 4 – Creazione del volume iSCSI

Selezionare il volume, nel mio caso “storage” e cliccare sul bottone “change” e vi troverete a dover impostare il nome del volume, nel mio caso “sandisk2″, allocare lo spazio disco e (nel mio caso ho utilizzato l’intera capacità del volume) e infine per il tipo di file system scegliere iscsi e cliccare sul tasto “create”. Il risultato sarà come mostrato in figura sotto:
openfiler - create volume

Step 5 – Abilitare il servizio iSCSI Target.
Su openfiler di default il servizio “iscsi target” è disabilitato, occorre quindi abilitarlo per permettere all’host esx/esxi di potersi collegare alla nostra san openfiler.
Andare nel menù “services” e abilitarlo (vedi figura sotto):

openfiler - enable iscsi target

Step 6 – Aggiungere un “Target iSCSI”

Tornare nel menù “volumes” e nel menù di destra cliccare su “iscsi targets” e poi su “Target configuration”; io ho ultizzato il defautl IQN che genera Openfiler dopodichè cliccare sul tasto”Add”.
openfiler - add iscsi

Step 7 – Map the LUN

Lun è l’acronimo di Logical Unit Number e openfiler assegna allo storage iscsi un unità logica univoca che esx possa riconoscere ed aggiungere.
Sezionate nel menù “lun mapping” lo scsi target e cliccate sul tasto “map”:
openfiler  -lun mapping

Step 8 – Permettere l’accesso al “Target iscsi”:

Sempre nello stesso menù cliccare sul tab “Network ACL” e troverete la lista dei vostri host a cui permettere l’accesso al lun iscsi cliccando su “allow” (di default sono “deny”) e successivamente sul tasto “update”.
openfiler - acl

Bene ora abbiamo abilitato i lun iscsi per essere utilizzati come storage dall’host o hosts esxi e abbiamo concluso la configurazione di openfiler!!!

Step 9 –  Configurare iSCSI inVmware esxi
Occore adesso aggiungere in vmware esxi un nuovo virtual switch dedicato al traffico iscsi, quindi aprite il VMware Virtual Infrastructure Client del vostro esxi e selezionate il tab “configuration” (1)  poi in “networking” (2) e cliccare su “add Networking” (3) e nella finestra che vi si presenta selezionare come tipo di connessione “VMkernel” (4) per aggiungere uno virtual switch da utilizzare per il traffico iscsi. Infine cliccare su next (5).
vmware - vkernel

Ora date un nome al vostro virtual switch iscsi e un indirizzo ip e scegliere se utilizzare uno nuovo vswitch o agganciarsi ad uno esistente (l’ideale sarebbe creare una vlan su uno switch fisico dedicata solo al traffico iscsi a cui collegare lo switch virtuale tramite scheda di rete fisica dell’host).
vmware - vswitch

Ecco il risultato ottenuto:
vmware - networking
Adesso occorre configurare il virtual switch iscsi per aggiungere la connessione LUN ad openfiler, quindi sempre dal menù” configuration” selezionare la voce del menù a sinistra nominata “storage adapter” e selezionare il vostro iscsi adapter e cliccate su “properties”.
vmware - iscsi setup

vmware - prop

Di default la connessione iscsi è disabilitata quindi occorre abilitarla cliccando sul tasto “configure” e spuntando il flag “enable”.

vmware - iscsi enable

Vedrete ora popolarsi i parametri dell’iscsi come da figura sotto:

vmware - iscsi pop

Successivamente bisogna aggiungere l’indirizzo ip della san openfiler.
Dal tab “Dynamic discover” poi su “add” e infine aggiungere l’ip dell’iscsi server.

vmware - add ip

Infine vi verrà richiesto una scansione degli storage adapters in modo da aggiungere il nuovo storage iscsi.

vmware - yes!

La procedura è terminata ora troverete lo storage iscsi aggiunto nella lista dei datastore.

vmware - iscsi end

Bene abbiamo appena ottenuto una Virtual Infrasctructure gratuita e di livello enterprise!!!!
Ora potete creare le vostre macchine virtuali salvandole sullo storage iscsi, fornito dall’ottimo openfiler, e se aggiungete alla virtual infrasctructure un altro host esxi potete condividere lo storage iscsi e implementare una struttura in alta affidabilità.

bye :)

Share

Vmware - Virtualizzazione

Guida all’installazione dei VMware Tools in Ubuntu Linux

1 ottobre 2009

Guida all’installazione dei VMware Tools in Ubuntu Linux

Il Cd virtuale del VMware ToolsI VMware Tools sono una raccolta di drivers in grado di ottimizzare il funzionamento di una macchina virtuale VMware. Esistono pacchetti analoghi per gli altri principali prodotti di virtualizzazione, come i Virtual Machine Additions di Microsoft Virtual PC e i Guest Additions di VirtualBox.

Mentre l’installazione di questi tools su una macchina guest con Windows è semplicissima, su un sistema Linux bisogna seguire alcuni accorgimenti che non sono scontati, soprattutto per chi non è abituato a lavorare dalla linea di comando.

Vediamo dunque come eseguire questa procedura con una macchina virtuale basata su Ubuntu Linux. La procedura è molto simile anche su altre distribuzioni. Noi abbiamo eseguito la procedura con VMware Workstation, con VMware Server è praticamente identica, mentre ovviamente VMware Player non li include, visto che non è pensato per la creazione di macchine virtuali.

Per accedere alla linea di comando aprite Applicazioni / Accessori / Terminale.

L’installazione dei VMware Tools da linea di comandoSe state utilizzando l’ultima versione di Ubuntu (la 8.04) potete saltare questi passaggi iniziali e andare subito all’installazione dei Tools. Se usate invece una versione precedente dovete verificare che siano installati tutti i componenti necessari all’installazione. Lanciate dunque uno dopo l’altro i comandi seguenti (vi ricordiamo che dopo l’inserimento del comando sudo dovrete inserire la password di un utente dotato di permessi di amministrazione):

sudo apt-get install gcc

sudo apt-get install build-essential

sudo apt-get install linux-headers-`uname -r`

Dopo che Ubuntu avrà scaricato e installato tutti i pacchetti potrete finalmente caricare i Tools.

Dal menu di VMware Server (o Workstation, a seconda del prodotto che state usando) scegliete VM / Install VMware Tools. Linux si comporterà come se aveste inserito un nuovo Cd dati. Il Cd dovrebbe contenere due file. Dei due l’unico utilizzabile con Ubuntu è quello con estensione Tar.Gz. Apritelo facendo doppio clic, poi premete Estrai e selezionate la Scrivania come percorso per l’estrazione (Fig. 2). Al termine vi troverete con la cartella vmware-tools-distrib sul Desktop. Per lanciare l’installazione dovete riaprire la finestra Terminale e digitare i seguenti comandi (attenzione a maiuscole e minuscole):

cd /home/nomeutente/Desktop/vmware-tools-distrib

sudo ./vmware-install.pl

dove al posto di nomeutente dovrete ovviamente inserire il vostro nome utente. Al posto di “Desktop” potrebbe anche essere necessario scrivere “Scrivania” se avete Ubuntu nella versione 8.04 o 7.10 localizzato in italiano.

A questo punto dovrebbe partire uno script che procederà all’installazione e vi farà diverse domande. Potete rispondere a tutte le domande con la semplice pressione del tasto Invio. In questo modo accetterete semplicemente le impostazioni di default. Al termine dovrete riavviare per completare l’installazione dei VMware Tools.

Share

Vmware - Virtualizzazione

Sistema di backup alternativo per VMWare ESX ed ESXi

27 settembre 2009

Sistema di backup alternativo per VMWare ESX ed ESXi

Il primo documento “test on the job” di cui si occuperà lo staff di Bitstorm Srl si basa sul test, presso i propri lab, di un sistema di backup alternativo al consolidato vcb di vmware, completamente da riga di comando e schedulabile tramite cron. Il tutto configurabile dalla service console di vmware esx /i via ssh.
Per quale motivo abbiamo pensato di provare questo sistema di backup alternativo?
Per evitare di dover implementare un server windows per la gestione del modulo vcb accompagnato da un software di terze parti a pagamento per l’archiviazione su storage separato da quello usato in produzione.

Per le piccole aziende infatti si tratterebbe si della soluzione di backup ottimale e certificata da VMWare stessa, ma purtroppo decisamente costosa.
Per la stesura di questo articolo abbiamo utilizzato uno script molto diffuso su internet, “ghettoVCB.sh” reperibile presso :
http://www.engr.ucsb.edu/~duonglt/vmware/ghettoVCB.sh
Questo script esegue il backup dei server virtuali residenti su host vmware esx 3.5 ed esxi 3.5.
L’esecuzione dello script effettua un backup live della macchina virtuale copiando interamente i file in formato vmdk “utili per un eventuale disaster recovery”, creando uno snapshot e rimuovendolo alla fine del processo.
Il principale inconveniente di questo script è a livello di utilizzo risorse: utilizza infatti quelle della service console (e quindi dell’host stesso), causando quindi una leggera perdita di performance a differenza del tradizionale proxy vcb che interagisce direttamente tra storage di produzione a storage di backup.
Il seguente script supporta storage locali dei server host, chiamati anche local datastore e storage di tipo SAN o NFS.
Inoltre per ambienti Esx che non hanno Datastore fissi di tipo NFS lo script offre la possibilità di collegarsi al server NFS solo al momento del backup delle virtual machine e di disconnettersi al termine dello stesso.
L’impostazione di base dello script mantiene 3 set di backup dei server virtuali archiviati, il tutto può essere modificato a proprio piacimento e secondo le proprie necessità.
Elenchiamo ora le principali funzionalità:
# Supporto per multipli VMDK disk per server virtuale
# Backup on line dei server virtuali
# Possibilità di spegnere il server virtuale prima di inziare il backup e di riaccenderla al termine di questo
# Il backup se il server virtuale contiene degli Rdm (raw device mappings) , questi verranno ignorati e quindi non salvati.
# Modifica del numero di backup set mantenendo quindi uno storico dei server virtuali.
# Supporto completo a datastore di vario tipo.

Passiamo ora alla parte pratica.
Scarichiamo il file ghettoVCB.sh e copiamo il file, senza apportarvi alcuna modifica, all’interno dell’host esx (si può utilizzare winscp da windows oppure scp da linux).
Una volta copiato file spostiamolo nel seguente percorso: /vmfs/volumes/datastore
Questo perché il file protrebbe essere cancellato durante il prossimo boot se posizionato altrove, Esxi infatti non cancella assolutamente il contenuto dei datastore.
Nel nostro ambiente abbiamo usato un datastore per i backup basato su freenas attivando il supporto per iscsi ed aggiungendolo quindi all’ host vmware esx.
Creiamo ora un file di testo, nominandolo ad esempio “vm_to_backup”, contenente il nome dei server virtuali che sono visibili nell’inventario usando il vmware client (nel mio caso: debian_01 e w2008_01), ogni nome su una nuova riga.
Faccio due raccomandazioni:
Non editare o creare questo file da windows per evitare di inserire caratteri di controllo inseriti da editor windows
Inserire i nomi nel file “vm_to_backup” prestando attenzione alle maiuscole ed alle minuscole riportandole esattamente come visibile dal client vmware.

Ora verifichiamo il file creato, digidando :

[root@btsesx01 scripts]# cat vm_to_backup

Visualizzeremo (nel mio caso):
debian_01
w2008_01
possiamo quindi procedere editando il file ghettoVCB.sh e cambiando alcuni paramentri:
la directory dove salvare i file di backup , la rotazione dei backup set, l’eventuale spegnimento prima del backup e l’impostazione di un’eventuale server di tipo NFS persistente o meno.
Una volta modificato a proprio piacimento il file di esempio dalla directory contentente lo script eseguiamo il comando:

./ghettoVCB.sh vm_to_backup

Il backup verrà avviato e tramite un contatore di avanzamento procederà al backup dei server virtuali.
Come noterete il processo di copia procederà lentamente o meno a seconda della potenza del vostro hardware di supporto al vostro ambiente di server virtuali.

Share

Vmware - Virtualizzazione