Archivio

Archivio per agosto 2009

Nessus: scanner di vulnerabilità

7 agosto 2009

Nessus: scanner di vulnerabilità

Nessus è uno scanner di vulnerabilità molto diffuso negli ambienti degli amministratori di sistema e degli addetti alla sicurezza IT in generale (anche di hackers, crackers ecc ecc).

Questo scanner, ci permette di scandagliare un sistema o una rete intera alla ricerca di vulnerabilità e per ogni vulnerabilità trovata, ci spiega il modo in cui l’attaccante potrebbe sfruttarla per “bucare” il sistema. Comodo per gli addetti alla sicurezza no? Anora più comodo per gli hackers!

Questo particolare scanner, deve il suo successo all’approccio modulare con cui è sviluppato. In particolare è composto da un kernel che gira come server e da un client che richiede determinati comandi al server. Aggiungere o rimuovere vulnerabilità è facilissimo ed immediato in quanto, le vulnerabilità sono aggiunte come MODULI al kernel originale.

Siete curiosi di poter vedere come funziona?
Ok, cominciamo.

Installazione su Ubuntu
Per prima cosa, procediamo all’installazione del software su Ubuntu.
Lanciamo da shell il comando

sudo apt-get install libnasl2 libnessus2 nessus nessusd nessus-plugins

con questo, dovremmo aver installato tutti i pacchetti utili al nostro scopo e nel caso in cui servano altri pacchetti come dipendenze, apt ci avviserà e ci chiederà se installarle.

Creazione utente per lo scanning
Come detto prima, nessus è composto da client-server e per accettare i comandi dal client, il server richiede che venga creato un utente. Niente paura, basta che lanciamo il comando (sempre da shell) :

sudo nessus-adduser

e seguiamo le istruzioni.

E vai con il primo scan

Ok, ora è tutto pronto per il benchmark dello scanner.
Da terminale digitiamo

sudo nessusd -D

e vedremo in azione lo script che avvierà il server.

Ora da Applicazioni->Internet->Nessus apriamo la GUI e logghiamoci nel server con username/password impostati in precedenza.

Per provare, effettuiamo uno scan del nostro sistema: nella scheda TARGET inseriamo “localhost” (senza virgolette) nel campo di input e clickiamo su “Start the Scan” in basso a sinistra.

Dopo aver effettuato tutti i test, Nessus ci fornirà un dettagliato report dello scan e delle eventuali vulnerabilità trovate sul nostro sistema.

Girovagando nei menù della GUI, possiamo abilitare/disabilitare vari plugins (o moduli) e settare altre opzioni davvero interessanti.

Buon hacking a tutti.

Share

Documenti Tecnici

Guida ad Ubuntu 9.04

5 agosto 2009

Grazie a Giorgio Beltrammi

http://ubuntu-inside.blogspot.com/2009/05/guida-ad-ubuntu-904.html

Guida ad Ubuntu 9.04

NOTE: Tutti i comandi sono in rosso e devono essere scritti in un terminale:

Applicazioni –> Accessori –> Terminale

Non dovete ridigitarli da capo! Potete copiare il comando e incollarlo in un terminale con il vostro mouse.

Media codecs & supporto DVD

Repositories Universe, multiverse e restricted.

In Ubuntu 9.04 “Jaunty” i repositories universe, multiverse e restricted sono attivati predefinitamente. Se volete essere sicuri che siano abilitati, seguite questo percorso:

Sistema –> Amministrazione –> Sorgenti Software

Abilitate le repositories Medibuntu

sudo wget http://www.medibuntu.org/sources.list.d/jaunty.list --output-document=/etc/apt/sources.list.d/medibuntu.list
Aggiungete le chiavi GPG:
sudo apt-get update && sudo apt-get install medibuntu-keyring && sudo apt-get update
Oppure inserite le stesse cose in una riga solamente:
sudo wget http://www.medibuntu.org/sources.list.d/`lsb_release -cs`.list --output-document=/etc/apt/sources.list.d/medibuntu.list; sudo apt-get -q update; sudo apt-get --yes -q --allow-unauthenticated install medibuntu-keyring; sudo apt-get -q update

Installate i codecs non-free

Il metapacchetto non-free-codecs installerà numerosi pacchetti utili e comprendono ubuntu-restricted-extras:
supporto per MP3 e vari altri formati audio (GStreamer plugins), fonts Microsoft, Java runtime environment, plugin Flash, w64codecs or w32codecs dipende dalla vostra architettura. Tutto in uno!
sudo apt-get install non-free-codecs

Installate altri codecs, supporto DVD support, VLC ed Mplayer

Il pacchetto libdvdcss2 è essenziale per riprodurre i DVD criptati . VLC è probabilmente il miglior player oggi disponibile.
sudo apt-get install libdvdcss2 gxine libxine1-ffmpeg vlc mplayer mencoder

Installate software utile

Adobe (Acrobat) Reader

Il lettore PDF di default, Evince, è adeguato per quasi tutto. Ed è anche più veloce del suo competitor a sorgente chiuso.
Tuttavia è disponibile anche Adobe Reader:
sudo aptitude install acroread acroread-plugins
E per coloro che amano leggere i PDF direttamente nel browser:
sudo aptitude install mozilla-acroread

Google Earth

Ubuntu 9.04 “Jaunty” giunge con la versione 5.0. Come molte applicazioni Google, è ancora etichettato come beta, ma sembra funzionare molto fluidamente.
sudo aptitude install googleearth
Se viene pubblicata una versione più recente di Google Earth, può essere scaricata dal sito ufficiale, come un installer .bin. Scaricate e salvate il pacchetto GoogleEarthLinux.bin. Quindi installatelo:
chmod +x GoogleEarthLinux.bin
./GoogleEarthLinux.bin

Altro Software Free Open Source

Mozilla Thunderbird 2.0: E-Mail (sostituisce Outlook)
sudo apt-get install thunderbird thunderbird-gnome-support
Mozilla Lightning 0.9: Estensione calandario per Thunderbird
Installatela facilmente dal sito degli addon.
Audacity 1.3.7: Audio editor (Samplitude / Cubase)
sudo apt-get install audacity
Filezilla 3.2.2: Client FTP completo
sudo apt-get install filezilla
Sound Converter 1.4: per la conversione dei file audio
sudo apt-get install soundconverter
gThumb 2.10.11: Certamente migliore del visualizzatore di immagini “eye of GNOME”.
sudo apt-get install gthumb
Shutter: Un grande programma per scattare screenshots
Istruzioni per la installazione qui.
Skype 2.0.0.72: Skype funziona con Jaunty!
sudo apt-get install skype
Installate tutte queste applicazioni in un colpo solo:
sudo apt-get install audacity filezilla soundconverter gthumb thunderbird thunderbird-gnome-support

Software specifico e applicazioni di sistema

GParted: Un editor di partizioni simile a Partition Magic
sudo apt-get install ntfsprogs gparted
Start-Up Manager: uno strumento grafico per modificare la configurazione del boot loader e la splash screen
sudo apt-get install gparted ntfsprogs
(ntfsprogs è un pacchetto per scrivere, ridimensionare e muovere le partizioni NTFS)
Dropbox è una grande applicazione cross-platform per condividere, conservare e sincronizzare file online e tra computers. Questo software è stupefacente e offre 2 GB di spazio libero per il software, senza limitazioni di dimensioni del file!
Istruzioni per la installazione (in inglese) qui. (.deb o repositories)
Truecrypt è una applicazione di criptazione. Ha una interfaccia amichevole ed il codice sorgente è disponibile. Alcune informazioni sulla licenza.
Scaricate il .deb da qui.

Disinstallate il software non usato e fate pulizia

Disinstallare pacchetti non necessari aiuta a ridurre il numero degli aggiornamenti ed a rendere il sistema più compatto ed efficiente. Supponendo di non usare Evolution, F-spot, Rhythmbox, Tomboy ed i giochi di GNOME:
sudo apt-get remove rhythmbox f-spot tomboy evolution evolution-common evolution-exchange evolution-plugins evolution-webcal gnome-games gnome-games-data
Ed infine un riordino:
sudo apt-get autoremove
sudo apt-get clean

Configurate Firefox & Thunderbird

Sia Firefox che Thunderbird hanno la possibilità di condividere lo stesso “profile folder”, nessun problema se usate Windows o Linux. Quando (re)installate un sistema Linux o Windows, dovete solo configurare il vostro profilo in modo che il programma sappia dov’è il vostro “profile folder”
firefox -P
thunderbird -P
Ora avete i vostri bookmarks, contatti ed emails!

Utili estensioni di Firefox

DownThemAll: uno dei migliori download managers
Flashblock: bloccate le animazioni pesanti e la pubblicità
User Agent Switcher: risolve molti problemi di compatibilità!
Split Browser: utile per monitor ampi

Come installare i fonts in Ubuntu

Red Hat Liberation Fonts

I Liberation Fonts sono una grande sostituzione delle GPL+exception offerta da Red Hat per i tre principali fonts di Microsoft: Times New Roman, Arial e Courier New.
sudo apt-get install ttf-liberation

Microsoft Fonts

Le Liberation Fonts sono intese quali sostituti dei fonts Microsoft. Se volete comunque installare i fonts di Microsoft, ecco la procedura:
sudo apt-get install ttf-mscorefonts-installer
Il ttf-mscorefonts-installer era chiamato msttcorefonts nelle precedenti versioni di Ubuntu.
Se avete già installato gli ubuntu-restricted-extras o i metapacchetti non-free-codecs, il ttf-mscorefonts-installer sarà già installato nel vostro sistema.

Come installare qualsiasi font in Ubuntu

  1. Aprite la vostra cartella home in Nautilus
  2. Abilitate l’opzione “Mostra File nascosti ” dal menu “Visualizza” di Nautilus
  3. Create una nuova cartella chiamata “.fonts” (con il punto iniziale!)
  4. Copiate tutti i fonts necessari nella nuova cartella. I vostri fonts di Windows possono essere copiati da C:\Windows\Fonts
  5. Per alcune applicazioni è necessario il riavvio

Maggior supporto alle lingue

Uno degli aspetti positivi di Linux è la capacità di lasciarvi scegliere la lingua per le vostre applicazioni e il desktop. E’ anche possibile usare quanti correttori ortografici vogliate.
L’installazione delle lingue è stato migliorato in Ubuntu “Jaunty” ed è veramente semplice e intuitivo.
Sistema –> Amministrazione –> Supporto Lingue
Software come Firefox, Openoffice.org, Thunderbird saranno aggiornati in locale, nei dizionari e nei pacchetti per le interfacce utente.

Come forzare l’architettura del pacchetto

Problema: state usando Ubuntu a 64 bit ed il pacchetto software che volete è a 32 bit. Gdebi-gtk vi darà il seguente errore:
Error: Wrong architecture ‘i386’
Questo potrebbe accadere con Skype, Eclipse, IBM Lotus Symphony o con l’eccellente gioco World of Goo.
Soluzione: installate il pacchetto dalla linea di comando con l’opzione –force-architecture:
sudo dpkg -i –force-architecture NameOfPackage.deb
Per esempio:
sudo dpkg -i –force-architecture skype-debian_2.0.0.72-1_i386.deb

Come installare Virtualbox

E’ possibile installare la versione OSS di Virtualbox direttamente da Synaptic. Tuttavia la versione Open Source non include il supporto USB, perciò è consigliato installare VirtualBox scaricando l’ultima versione dal sito ufficiale.
Dopo avere installato VirtualBox, potreste avere bisogno di riavviare il computer. Dopo il riavvio, la voce del menu potrebbe apparire nel menu degli Strumenti di sistema. Alternativamente avviate VirtualBox in un terminale.
Per far funzionare bene Virtualbox, dovete essere nel gruppo “vboxusers”. Aggiungetevi a questo gruppo usando il seguente comando:
sudo adduser user_name vboxusers
Per condividere ogni cartella come un dispositivo di rete, basta inserire il seguente comando al prompt MSDOS:
net use x: \\vboxsvr\your_shared_folder
Dopo ogni attualizzazione del kernel, potreste dover ricompilare il kernel di VirtualBox con il seguente comando:
sudo /etc/init.d/vboxdrv setup

Miscellanea

Nessun suono di sistema

Sistema –> Preferenze –> Suoni
Rimane un piccolo suono alla comparsa della schermata di login! Per farlo scomparire, dovrete deselezionare il box “Login Screen Ready”:
Sistema –> Amministrazione –> Finestra di Login –> Accessibilità

Cambiare i fonts del display con i RedHat Liberation Fonts

Sistema –> Amministrazione –> Aspetto –> Fonts

Disabilitare il Bluetooth

Se non si usano dispositivi Bluetooth
Sistema –> Amministrazione –> Servizi
Deselezionate il box “Bluetooth device management”:

Altre configurazioni

Adattate la gestione dell’energia alle vostre necessità:
Sistema –> Amministrazione –> Power Managment
Aggiungete una cartella “Downloads” alla vostra directory home, segnalatela in Nautilus in modo che appaia nel menu di sinistra. Infine rendetela come cartella predefinita dei download di Firefox.

Modificare il menu di GRUB

Il menu di GRUB è uno schermo nero che vedete quando avviate il vostro computer. Potete facilmente modificarne le impostazioni, inclusa la possibilità di nasconderlo o di modificare il tempo di attesa prima del boot. Una delle utili applicazioni che vi permettono di modificare facilmente il vostro GRUB è Startup Manager
sudo apt-get install startupmanager
Prima di modificare il GRUB è bene effettuarne un backup.
sudo cp /boot/grub/menu.lst /boot/grub/menu-backup.lst
Aprite il vostro Startup Manager, qui è dove potete cambiare il timeout, quanti kernel debbano essere disponibili e mostrare/nascondere la schermata di GRUB.

Configure Firewall

Se vi interessa la vostra sicurezza, è opportuno che attiviate il vostro firewall e preveniate quindi ogni accesso ingiustificato al vostro computer. UFW è installato di default, ma se avete bisogno di una interfaccia grafica, installate GUFW.
sudo apt-get install gufw
Alternativa a GUFW è Firestarter che è una semplice, ma potente applicazione che vi consente di monitorare il vostro traffico.
sudo apt-get install firestarter

Wine

Wine è una applicazione necessaria a coloro che non possono vivere senza le applicazioni Windows, Vi consente di installare le vostre applicazioni Windows nella vostra macchina Ubuntu e avviarle come fossero in Windows.
sudo apt-get install wine
Una volta che avete installato Wine, ricordate di avviare la configurazione (Applicazioni -> Wine -> Configure Wine) prima di installare le vostre applicazioni in Wine.

Ubuntu-Restricted-extras

Non potete ascoltare gli MP3? Non potete vedere i video su Youtube? Non funziona Java? Non preoccupatevi, tutto quello che dovete fare è di installare il pacchetto ubuntu-estricted-extras e vi installerà tutti i files/codecs necessari. Alcune applicazioni comuni inserite nel pacchetto, comprendono codec MP3 codec, Adobe Flash player, Java runtime e Microsoft core fonts.
sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras

Ubuntu Tweak

Ubuntu Tweak vi consente di racchiudere le vostre configurazioni, in un unico posto. Potrete installare nuove applicazioni, personalizzare le vostre configurazioni desktop, configurare le vostre applicazioni di avvio, cambiare l’associazione di file e molto altro con questa singola applicazione.
Per installare Ubuntu Tweak, prima aprite il vostro file sources.list
gksu gedit /etc/apt/sources.list
inserite le seguenti righe alla fine del file. Salvate e chiudete.
deb http://ppa.launchpad.net/tualatrix/ubuntu jaunty main
deb-src http://ppa.launchpad.net/tualatrix/ubuntu jaunty main

Nel terminale aggiornate la repository ed installate Ubuntu Tweak
sudo apt-get update
sudo apt-get install ubuntu-tweak

Gnome Do

Gnome Do è una piccola applicazione che vi consente di cercare e fare cose in modo rapido ed efficace all’interno della vostra macchina Ubuntu. E’ simile a QuickSilver di Mac e Launchy di Windows. Per coloro che non avessero provato prima Gnome Do, dovrebbero prendersi un po’ di tempo e provarlo. Gnome Do dispone anche di una interfaccia dock che potete usare come un qualsiasi dock.
sudo apt-get install gnome-do

Eye candy

A qualcuno piace avere effetti speciali sul proprio desktop mentre altri desiderano un desktop minimalista. Se fate parte della prima categoria, eccovi alcune applicazioni che potete installare per abbellire il vostro desktop.

  • CompizConfigSettingsManager – Il gestore delle configurazioni di Compiz. All’interno potrete trovare moltissimi (ed inutili) effetti per il desktop.
  • Avant Windows Navigator, Cairo dock – dock in perfetto stile Mac OSX per il vostro desktop
  • conky, greklim – mostrano le configurazioni e monitorizzano il pc mostrandolo sul desktop.
Share

Documenti Tecnici

uTorrent

5 agosto 2009

Che lentezza! eMule non è più come una volta: ci sono sempre in agguato code interminabili e server spia. E non parliamo poi dei fake! Pensi di scaricare un corso di cucina e, al termine dello scaricamento, scopri che ti hanno preso in giro ed hai scaricato un corso di joga o peggio.

Ma a tutto c’è soluzione: utilizzare uTorrent, oltre ad eMule, per scaricare da Internet. uTorrent è un programma del tutto gratuito che ti permette di scaricare i file in condivisione (P2P) attraverso il protocollo BitTorrent.

Il vantaggio di scaricare con uTorrent è che non ci sono code, i fake sono ridotti al minimo e trovi di tutto, a partire dagli album musicali per arrivare a giochi, film, telefilm e programmi. uTorrent, infine, ti permette di scaricare velocemente file di grandi dimensioni.

Non ti ho ancora convinto? Non ti resta allora che seguire le mie indicazioni passo dopo passo per configurare ed utilizzare uTorrent al meglio. D’altronde non hai nulla da perdere: se uTorrent non ti piace, puoi benissimo ritornare ad utilizzare il tuo “fidato”, ma lento, eMule.

Download Speed(Foto Download speed di Sean Future)

Installare e configurare uTorrent al meglio

La prima cosa devi fare è scaricare ed installare uTorrent sul tuo computer. Collegati sul sito Internet di uTorrent e fai click sulla voce Get uTorrent 1.7.7 Stable per scaricarlo.

uTorrent

Al termine dello scaricamento, fai doppio click sul file di installazione di uTorrent (utorrent.exe). Nella finestra di installazione che si apre, fai click sul pulsante Yes. Al termine dell’installazione, si apre la finestra Speed Guide con la quale devi configurare uTorrent per scaricare al massimo.

Configurare uTorrent

Prima di tutto, fai click sul pulsante Run speed at: www.dslreports.com. Nella finestra del browser che si apre, fai click sulla voce Flash 8 plugin based speed test e poi su una delle voci della schermata SERVER LIST per avviare il test della velocità della tua connessione.

Prima di avviare il test, assicurati di non stare scaricando o inviando file su Internet, perché il test altrimenti risulterebbe falsato. Al termine del test, leggi attentamente il valore indicato nella voce Upload Speed.

Ritorna su uTorrent e seleziona xx/valore uguale o più vicino a quello indicato dal test nel menu a discesa accanto alla voce Connection Type.

uTorrent

A questo punto fai click sul pulsante Test if port is forwarded properly. Nella pagina che si apre, può essere mostrata la dicitura Error o OK!. Se è mostrata la dicitura OK!, hai terminato la configurazione di uTorrent e puoi fare click sul pulsante Use Selected Settings.

In caso contrario, devi continuare a configurare uTorrent. La dicitura Error sta ad indicare che uTorrent non è in grado di comunicare su Internet e ciò può essere dovuto a diversi fattori. Se hai installato un firewall sul tuo computer, devi consentire le connessioni in entrata ed uscita di uTorrent su Internet attraverso la porta indicata in Current Port.

Se sei collegato su Internet attraverso un router, devi configurarlo per permettere le connessioni in entrata ed uscita di uTorrent attraverso la porta indicata in Current Port e indirizzarle correttamente al tuo computer. La procedura è diversa da router a router, ma è molto probabile che sia spiegata sul sito Internet portforward.com: collegati su portforward.com, seleziona il modello del tuo router e cerca le istruzioni su come configurarlo per fare funzionare uTorrent.

uTorrent

Non appena hai configurato correttamente il firewall del tuo computer o il tuo router, rifai il test: se tutto è stato fatto correttamente, dovrebbe apparirti la dicitura OK!. Per terminare la configurazione di uTorrent, puoi ora fare click sul pulsante Use Selected Settings.

Come cercare e scaricare file con uTorrent

Per cercare i file da scaricare con uTorrent, il mio consiglio è quello di utilizzare il motore di ricerca YouTorrent. Collegati sul sito Internet di YouTorrent, digita quello che vuoi scaricare nel campo di testo vuoto e fai click sul pulsante Search.

YouTorrent

Considera che troverai in condivisione su BitTorrent per lo più file di grandi dimensioni (programmi, film e telefilm, giochi e album musicali). Per i file di piccole dimensioni, come una singola canzone, conviene utilizzare ancora eMule. Nella pagina che si apre sono mostrati i risultati: il nome del file e la sua dimensione sono riportati rispettivamente nelle colonne Torrent e Size.

Fra i risultati disponibili, fai click sul nome di quello con il più alto numero di seeds e peers. I seeds sono quelle persone che hanno che hanno in condivisione il file completo, mentre i peers sono quelle persone che hanno in condivisione solo una porzione del file, dato che non lo posseggono ancora completamente sul loro computer.

YouTorrent Risultati

Nella pagina Web che si apre, fai infine click sulla voce Download .torrent o simili: viene scaricato sul tuo computer un file con estensione .torrent. Al termine dello scaricamento, fai doppio click su file con estensione .torrent scaricato.

Nella finestra Add New Torrent di uTorrent che si apre, fai click sul pulsante con i tre puntini () in corrispondenza di Save As per selezionare la cartella in cui salvare il file da scaricare e fai click sul pulsante OK per iniziarne lo scaricamento. Buon scaricamento!

uTorrent che scarica

Share

Documenti Tecnici

Completamento Automatico del nome (Outlook Microsoft)

5 agosto 2009
Utilizzo della caratteristica di compilazione automatica del nome (Completamento automatico)

Completamento automatico degli indirizzi di posta elettronica

La caratteristica Completamento automatico consente di visualizzare i suggerimenti relativi a nomi e indirizzi di posta elettronica non appena si inizia a digitarli. Tali suggerimenti rappresentano le corrispondenze possibili provenienti da un elenco di nomi e indirizzi di posta elettronica digitati in precedenza, noto come elenco dei nomi di Completamento automatico.

In questo articolo


Funzionamento della caratteristica Completamento automatico

La caratteristica Completamento automatico è attiva per impostazione predefinita e consente di visualizzare i suggerimenti relativi ai nomi non appena si inizia a digitarli nelle posizioni seguenti:

  • Caselle A, Cc e Ccn in un messaggio di posta elettronica
  • Caselle A in convocazioni di riunioni, attività e richieste di condivisione.
  • Campo Posta elettronica in un contatto

Quando si digita la prima lettera di un nome in una di queste caselle, la caratteristica Completamento automatico inizia a suggerire possibili corrispondenze basate su nomi già digitati in precedenza. Maggiore è il numero di caratteri digitati, maggiore è la probabilità che venga trovata la corrispondenza corretta.

Fare clic sul nome che si desidera inserire nella casella. Se si utilizza la tastiera, selezionare il nome tramite il tasto freccia SU o freccia GIÙ e quindi premere INVIO (o TAB). Qualora nessun suggerimento corrisponda al nome che si sta digitando, continuare a digitare. La caratteristica Completamento automatico è in grado di memorizzare il nome digitato, in modo da renderlo disponibile per occorrenze successive.

I nomi utilizzati con minore frequenza verranno spostati progressivamente nella parte inferiore dell’elenco e infine non verranno più visualizzati.

Torna all'inizio Torna all’inizio

Eliminazione di un nome dall’elenco di Completamento automatico

  1. Utilizzando i tasti FRECCIA SU e FRECCIA GIÙ, selezionare il nome o l’indirizzo di posta elettronica che si desidera eliminare.
  2. Premere CANC.

Torna all'inizio Torna all’inizio

Disattivazione della caratteristica Completamento automatico

  1. Scegliere Opzioni dal menu Strumenti.
  2. Nella scheda Preferenze fare clic su Opzioni di posta elettronica e quindi su Opzioni avanzate di posta elettronica.
  3. Deselezionare la casella di controllo Suggerisci nomi durante il completamento dei campi A, Cc e Ccn.

Torna all'inizio Torna all’inizio

Copia dell’elenco di Completamento automatico in un altro computer

È possibile copiare i nomi e gli indirizzi di posta contenuti nell’elenco di Completamento automatico da un computer a un altro. Se ad esempio si esegue l’aggiornamento a un nuovo computer e si desidera evitare di perdere tutte le informazioni memorizzate nell’elenco di Completamento automatico, è possibile copiare i nomi e gli indirizzi dal vecchio al nuovo computer.

Importante Prima di avviare la procedura seguente, è necessario uscire da Microsoft Office Outlook. I nomi verranno inclusi nell’elenco di Completamento automatico al riavvio di Outlook.

  1. Nel vecchio computer eseguire una delle operazioni seguenti:
    • In Microsoft Windows XP Passare a unità:\Documents and Settings\utente\Impostazioni locali\Dati applicazioni\Microsoft\Outlook.
    • In Windows Vista Passare a unità:\utente\AppData\Local\Microsoft\Outlook.

    Nota In base alle impostazioni dei file, questa cartella potrebbe essere nascosta.

    NascondiVisualizzazione delle cartelle nascoste

    • In Windows Vista
      1. Fare clic sul pulsante Start e quindi scegliere Pannello di controllo.
      2. Fare clic su Aspetto e personalizzazione. Nota Se si utilizza la visualizzazione classica del Pannello di controllo, fare doppio clic su Opzioni cartella e quindi continuare con il passaggio 4.
      3. Fare clic su Opzioni cartella.
      4. Nell’area Impostazioni avanzate della scheda Visualizzazione, in File e cartelle selezionare Mostra file e cartelle nascosti nel gruppo Cartelle e file nascosti.
    • In Windows XP
      1. Fare clic sul pulsante Start e scegliere Pannello di controllo.
      2. Fare clic su Opzioni cartella.Finestra di dialogo Opzioni cartella
      3. Scegliere la scheda Visualizzazione e selezionare l’opzione Visualizza cartelle e file nascosti.

  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file nome profilo.nk2 e quindi scegliere Copia.

    Suggerimento È possibile copiare il file su un supporto rimovibile, ad esempio un disco floppy o un CD, e quindi copiare il file nel percorso corretto del nuovo computer. In alternativa, è possibile allegare il file a un messaggio di posta elettronica e inviarlo al proprio indirizzo. Nel nuovo computer è necessario aprire l’allegato in Outlook e quindi salvarlo nel percorso corretto.

  3. Nel computer in cui si desidera popolare l’elenco di completamento automatico eseguire una delle operazioni seguenti:
    • In Microsoft Windows XP Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi in unità:\Documents and Settings\utente\Impostazioni locali\Dati applicazioni\Microsoft\Outlook e quindi scegliere Incolla per salvare nome profilo.nk2.
    • In Windows Vista Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi in unità:\utente\AppData\Local\Microsoft\Outlook e quindi scegliere Incolla per salvare nome profilo.nk2.
  4. Se il nome del profilo utente di Outlook è diverso da quello del computer in cui si sposta il file con estensione nk2, è necessario rinominare il file con il nome del profilo utente di Outlook utilizzato nel nuovo computer, dopo aver copiato il file nella cartella corretta. Se ad esempio si sposta il file Daniela Guaita.nk2 dal computer originale con nome di profilo utente di Outlook Daniela Guaita, e si copia il file Daniela Guaita.nk2 nel nuovo computer, è necessario rinominare il file con il nome di profilo di Outlook utilizzato nel nuovo computer.
  5. Quando viene chiesto se si desidera sostituire il file esistente, fare clic su .
  6. Aprire Outlook per visualizzare le modifiche apportate all’elenco di Completamento automatico.
Share

Documenti Tecnici

Installare una stampante PDF in Ubuntu

4 agosto 2009

Installare una stampante PDF in Ubuntu

Ecco a voi un altro tips che mi è stato molto utile. Oramai il bisogno di creare file PDF è largamente presente, e programmi come OpenOffice lo supportano in toto. Ma se voglio creare un PDF da un’altra applicazione? Non sarebbe bella una stampante virtuale come in Windows, che mi permetta di stampare file in formato PDF?

Chiaramente la comunità libera prontamente ha apportato questa caratteristica…ed è anche semplice installarla.
Prima di tutto, digitate da terminale:
sudo apt-get install cups-pdf
Questo installerà il supporto PDF per il sistema cups (io l’avevo già installato quest’ultimo).
Ora andate sotto Sistema -> Amministrazione -> Stampa e selezionate “Nuova Stampante” come da figura:
Bene, nella schermata che segue lasciate Tipo: Locale o stampante rilevata e Usa Stampante individuata (scegliete PDF Printer, se avete anche una stampante vera vi verrà visualizzata anche quella).

Ora cliccate avanti. Scegliete Produttore: Generic e Modello: Postscript (il driver è uno solo).

Cliccate avanti e finalmente nella schermata che segue potete inserire il nome della stampante (Ad esempio StampantePDF, senza spazi) e una breve descrizione della stampante. Cliccando su Fine…si ottiene l’effetto sperato!

Fate una prova di stampa: viene stampato il tutto e…ma dove lo salva???

Beh a tutto c’è rimedio…viene creata una cartella PDF sotto la home directory del vostro utente, e lì dentro salverà tutti i file PDF che crea…buon PDF a tutti!

Attenzione che se non esiste la cartella PDF dentro la vostra home directory non viene creata la stampa per cui è bene ontrollare che sia presente alla fine dell’installazione.

Share

Documenti Tecnici